Sviluppare un nuovo modello di leadership e stare al passo con le trasformazioni aziendali e del mercato: un’evoluzione necessaria.

L'esigenza.


Sara Assicurazioni è un’azienda da sempre attenta alla formazione delle proprie persone, sia sulle hard skills sia sulle soft skills. Da quasi tre anni ha un focus specifico sui percorsi di alfabetizzazione e acquisizione di competenze digitali, a tutti i livelli della popolazione aziendale, muovendosi seguendo la Digital Transformation del Gruppo ormai completamente su Cloud.

La necessità di lavorare sul mindset che ogni persona deve possedere per affrontare i continui cambiamenti che la realtà impone, ha indotto l’azienda a orientare la formazione del Team oltre che sulle competenze manageriali anche su ulteriori abilità e capacità tecniche per adattarsi alla costante evoluzione tecnologica.

Il target.


80 middle manager (50 nella sede a Roma, 30 su territorio nazionale)

La nostra proposta.


Un percorso di formazione su “Leadership innovativa ed efficace”, svolto con la metodologia AliveLearning, e quindi appoggiandosi alla guida costante di un esperto, e sfruttando la tecnologia e gli ambienti digitali parallelamente alla formazione tradizionale in aula con workshop dedicati.

È stato fatto un lavoro sullo sviluppo del ruolo di manager come leader in grado di orientare le performance dei membri del team grazie alla capacità di dare feedback costruttivi.

La realizzazione.


Un percorso di formazione della durata di quattro mesi diviso in due parti: la prima parte del percorso, della durata di sei settimane e con frequenza obbligatoria, focalizzata sulla gestione della relazione capo-collaboratore. Terminata questa fase, i partecipanti hanno potuto partecipare in maniera volontaria a uno o più percorsi a scelta, focalizzati su 3 diverse tematiche: feedback, gestione dei conflitti e gestione di team in remoto, tutti e 3 percorsi di medium level interactivity.

I risultati.


Durante il percorso sono emerse e sono state messe in pratica anche nel quotidiano lavorativo quelle abilità e attività che magari, talvolta inconsapevolmente, le persone agiscono nel loro privato: il ruolo del manager non può più essere circoscritto al “bravo professionista” ma – e qui entra in gioco il nostro core business– potrà ricoprire tale posizione solo colui che seguirà il percorso del “manager coach”.